Questo articolo è stato aggiornato in data:

L’Hosting Condiviso e quello per Rivenditori (Reseller) sono delle tipologie di hosting condiviso, ospitate in un ambiente dove solitamente sono ospitati centinaia di singoli siti web su un server. L’hosting condiviso è di sicuro una delle forme di web hosting più economiche disponibili, tanto è vero che in Rete è possibile trovare Provider che con circa dieci euro l’anno, iniziano già ad offrire interessanti pacchetti hosting.

Ovviamente, non è tutto ora che luccica e come in ogni frangente, ci sono lati positivi e negative, oltre che diverse limitazioni. Vediamole insieme nel dettaglio.

Siti web e blog con traffico medio o basso

Per siti con consumi minimo e medi, l’hosting condiviso è probabilmente una delle soluzioni più adatte. E’ economico, di facile utilizzo, e consente di avviarsi in Rete senza un eccessivo spreco di denaro e risorse.

Ci sono moltissimi Provider Hosting che offrono pacchetti per l’hosting condiviso, con data center in Italia o all’estero, e tutta una serie di caratteristiche tecniche integrate.

Sta a voi, cercare tra le numerose proposte in Rete, quella più adatta per voi, anche in relazione alle esigenze dettate dallo script che utilizzate, dal CMS (WordPress, Joomla, vBulletin, etc) o da altri eventuali requisiti di cui avete bisogno. Ovviamente, nel caso con il tempo il vostro sito (o più), inizia a generare un elevato traffico, è necessario effettuare un upgrade su macchine dedicate, con maggiori risorse e più potenti.

Siti web e blog ad alto traffico

Per siti con elevati consumi di risorse, l’hosting condiviso non è sicuramente la soluzione più adeguata, anche nel caso il Provider utilizzi server molto potenti e di ultima generazioni. Questo per alcuni semplici motivi e limitazioni, che potrebbero causare problemi con la stabilità generale e le prestazioni del server stesso, come ad esempio:

Limite di memoria PHP: Se avete un VPS (Server Virtuale) o un server dedicato, avrete la possibilità di impostare voi stessi il limite di memoria PHP desiderato. Tuttavia, alcuni Provider Hosting, permettono di qualche parametro PHP, tra cui il limite di memoria PHP tramite file php.ini o htaccess.

Traffico: Generalmente, un sito ospitato su un pacchetto per l’hosting condiviso, può arrivare a generare fino a circa 6000/7000 visite al giorno (dato molto approssimativo, dipende da molti fattori). Arrivati comunque più o meno, a questi livello di traffico, probabilmente è necessario prendere in considerazione soluzioni dedicate, come un VPS, in quanto il vostro hosting condiviso potrebbe non essere più sufficienti, rischiando downtime, rallentami o errori.

Considerazioni generali sull’Hosting condiviso

Proprio perchè l’hosting condiviso è così conveniente, è bene non farsi trarre in inganno o attirare da Provider che sembrano offrire le stelle, ma che in realtà offrono ben poco, con pochissime garanzie. Vi ricordo inoltre che “l’illimitato” non esiste, è un parametro generico ed è molto meglio avere limiti e dettagli esatti su qual’è il vostro spazio web o il traffico mensile, che non averne.

Per chi fosse interessato, ecco due nostri vecchi articoli sui migliori hosting condivisi in Italia ed in Europa:

Ecco invece un altro interessante articolo, dove trovare alcuni utili consigli su come scegliere un buon Provider Hosting, per il vostro sito. Alla prossima!