Questo articolo è stato aggiornato il

Sono sicuro che la maggior parte di voi ha avuto a che fare almeno una volta, con un client di posta elettronica, sia sul computer che sul cellulare.

Infatti, quando si deve configurare un account di posta, per la ricezione di un’email su qualsiasi programma di posta elettronica, vi verrà chiesto se configurarlo come la posta in arrivo, IMAP o POP3. Vediamo di capire in questo arrivo, le principali differenze tra i due protocolli e come effettuare la scelta migliore.

Cosa sono i protocolli IMAP e POP3?

Vediamo prima di tutto, cosa sono questi due protocolli.

IMAP: è l’abbreviazione di Interactive Mail Access Protocol. IMAP è stato progettato nel 1986 per consentire l’accesso remoto ai messaggi memorizzati su un server remoto.

POP: è l’abbreviazione di Post Office Protocol. E’ il protocollo originale, creato nel 1984, come mezzo per scaricare messaggi di posta elettronica da un server remoto.

Sia il protocollo POP3 che quello IMAP permettono ad un client di scaricare la posta sul proprio PC.

Le differenze fondamentali tra i due protocolli sono però da ricercare nella gestione del download dei messaggi, e nei relativi vantaggi che ne derivano.

Il protocollo POP

Con questo protocollo, i messaggi vengono scaricati sul pc locale, eliminando la posta dal server e creando quindi un maggior spazio per i messaggi che arriveranno. Tramite le impostazioni dei software per la posta elettronica poi, è possibile conservare copie dei messaggi sul server.
Gli svantaggi in questo caso, sono legati al fatto che ogni volta che il software di posta si connette al server, effettua il download di tutti i messaggi.

Nel momento in cui si effettua il download dei messaggi su un pc, non si potranno scaricare gli stessi anche su un altro in quanto i messaggi non saranno più disponibili sul server di posta.

Ricapitolando:

  • Scarica la posta in locale;
  • Salva la posta inviata in locale, così come le bozze, i modelli e le note;
  • Tutte le operazioni sui messaggi, dopo averle scaricate, come: lettura, cancellazione, archiviazione, esportazione, salvataggio, risposte etc. avvengono in tempo reale, perchè avvengono in locale ma soprattutto sono possibili anche in assenza di connessione al server di posta;
  • E’ sicuramente la miglior soluzione, per chi gestisce posta elettronica da una postazione unica e non ha esigenze di sincronizzazione;

Il protocollo IMAP

Con il protocollo IMAP, i I messaggi rimangono salvati sul server, salvando spazio sul proprio computer. E’ possibile accedere alla propria posta elettronica da pc diversi, scaricando solo i messaggi che si desiderano scaricare.
Gli unici svantaggi in questo caso, sono rappresentati dalla quota massima di spazio web previsto per la casella di posta, che chiaramente non va superato.

Ricapitolando:

  • Scarica in locale solo l’intestazione dei messaggi;
  • Può salvare posta inviata, bozze, modelli, note etc. in remoto;
  • Per funzionare ha bisogno di essere connesso al server di posta;
  • E’ una soluzione consigliata a chi usa molto la posta elettronica, da diverse postazioni ed in vari orari della giornata;

Abbiamo visto in questo articoli, le differenze tra un server di posta IMAP e POP3; per qualsiasi problema e/o dubbio lasciate un commento o scriveteci. Continuate inoltre a seguire la nostra sezione Guide Hosting, dove trovare guide e tutorial dedicate all’Hosting. Alla prossima!