Questo articolo è stato aggiornato in data:

Come costruire un sito ottimizzato per Google e gli altri motori di ricerca? Te lo spiego in questo articolo.

L’ottimizzazione per i motori di ricerca è oramai una vera e propria industria in costante evoluzione e cercare di far comparire il proprio blog / sito / negozio ai primi posti e in prima pagina sui più diffusi motori di ricerca è una sfida che coinvolge un sempre crescente numero di addetti ai lavori.

Concentrarsi su Google e sul funzionamento dei suoi algoritmi è la ragione per la quale è divenuto il punto di riferimento tra i motori di ricerca disponibili online e il vero dominatore del mercato a dispetto di Bing e Yahoo.

Comparire in prima pagina sembra diventata una cosa essenziale per giustificare la presenza di una azienda sul web in quanto solo una piccola porzione di potenziali utenti arriva alle pagine successive (si sa, l’utente medio è molto pigro…) quando cerca qualcosa.

Il problema è che Google è, a volte, una bestia volubile e capricciosa e gli aggiornamenti dei suoi algoritmi possono avere degli effetti devastanti sugli affari online; di punto in bianco si può passare da una posizione dominante sul mercato a diventare una piccola azienda obsoleta.

Se volete trovarvi al sicuro dai futuri danni che potrebbe causarvi qualche aggiornamento di Google allora è essenziale assicurarvi di non basare tutte le vostre fortune sul web solo sul maggior motore di ricerca, ricordatevi che esistono anche altri sistemi per avere successo; ecco qualche suggerimento per costruire un sito a prova di Google.

Compilate una lista di email

Includete nel vostro sito un form per una mailing list non appena possibile (farlo da ieri sarebbe stato meglio…) e assicuratevi di acquisire tutte le email dei vostri utenti/lettori in modo da restare in contatto con loro e mantenerli aggiornati su tutte le vostre iniziative e promozioni.

Se avete un crescente e leale seguito sul vostro sito, mandate loro una newsletter periodicamente affinché comunque restino informati su tutto ciò che accade sul vostro sito e su nuovi prodotti che avete da offrire. Una volta raggiunta una ragguardevole cifra di utenti non vi importerà più di essere primi o sessantesimi tra i preferiti di google.

Offrite sempre qualità

Qualunque cosa decidiate di fare, qualsiasi impresa tentiate di avviare, ricordatevi senpre che, per avere successo online, è assolutamente indispensabile offrire sempre qualità ai vostri visitatori.

I cosiddetti siti spam che offrono pochi contenuti, e tutti coloro che non offrono contenuti originali (tutti quelli che usano il vecchio e caro Ctrl-C e Ctrl-V, per intenderci) sono i siti che sono maggiormente penalizzati da tutti i motori di ricerca; perciò, e non mi stancherò mai di ripeterlo, dedicate cinque minuti in più a ciò che scrivete, pubblicate meno articoli, ma pubblicate assolutamente contenuti originali; i contenuti unici spingono più visitatori da voi perché (ovviamente) sono cose che trovano solo da voi e, comunque, a lungo andare, i motori di ricerca vi premieranno.

Utilizzate sempre il più possibile i Social Network

Più volte vi abbiamo parlato su queste pagine di come sfruttare i Social Network per acquisire più visibilità e una maggiore indicizzazione, oggi ci occuperemo del loro fenomeno solamente per riflettere  sul loro funzionamento e sulla loro diffusione.

La vera rivoluzione di Facebook e Twitter riguarda la sempre maggiore possibilità di creare coinvolgimento tra coloro che risultano tra gli iscritti a queste piattaforme; ogni “mi piace” e condivisione genera interesse e pubblicità gratuita al vostro sito, cercate sempre di interessare tutti i vostri followers e coinvolgeteli in tutto ciò che fate, ricordatevi che l’interesse e la curiosità che causate genera migliaia e migliaia di link al vostro sito, sfruttateli!

Non scordate di rimanere sempre aggiornati su tutte le novità: ad esempio, se le immagini possono essere utili alla diffusione/vendita del vostro prodotto, utilizzate Instagram e Pinterest.

Ricordate: con un pò di impegno e di attenzione potrete liberarvi persino della dittatura di Google.